RITRATTI DI CITTA' IN UN INTERNO

da 26/11/2014 a 16/12/2014

Dal 26 novembre al 16 dicembre alla Fondazione Stelline una mostra multimediale per conoscere Milano e il suo passato, nel mutare delle immagini e degli spazi: dal ‘700 a oggi attraverso i mutamenti urbanistici.
La mostra “Ritratti di città in un interno” si inserisce nel percorso intrapreso da tempo dalla Fondazione Stelline dedicato alla conoscenza e alla divulgazione dei temi della città metropolitana, di analisi della trasformazione di Milano e del suo tessuto urbano e sociale. Il progetto espositivo è il risultato di una ricerca che ha voluto porre al centro l’analisi cartografica delle città di Milano, Roma e Bologna, nel periodo illuminista e napoleonico, coincidente con il momento in cui la diffusione a mezzo stampa della cartografia e la pratica del Grand Tour contribuirono a forgiare lo spirito più cosmopolita della classe intellettuale europea, ponendo le premesse per una democratizzazione del sapere cartografico, fino ad allora appannaggio di una ristretta cerchia e difficilmente accessibile perché disperso in archivi e musei fra loro separati e non comunicanti.
L’esposizione si articola in due momenti fondamentali per la diffusione di tale conoscenza e cambiamenti utilizzando più strategie di comunicazione ed esposizione: “Ritratti di città in un interno” e “Ritratti di città: Milano perduta - Milano sperata”. 
“Ritratti di città in un interno”, alla Fondazione Stelline, grazie a una serie di filmati e installazioni multimediali, consente di viaggiare direttamente nello spazio e nel tempo, attraverso la narrazione del patrimonio visuale delle tre città. Un grande touchscreen permette ai visitatori di sperimentare direttamente la navigazione dal sito www.ritrattidicitta.it esplorando le città nella propria dimensione storica e spaziale, comprendendone così i processi di formazione e trasformazione attraverso il tempo. Contemporaneamente, la città di Milano ospita l'itinerario urbano “Ritratti di città – Milano perduta Milano sperata” che conduce alla scoperta dei luoghi di Milano scomparsi oppure oggetto di progetti non realizzati: 22 tappe (per l’elenco completo vedere il sito www.reitrattidicitta.it) per aiutare l’utente, dal visitatore allo studente, a riconoscere luoghi oggi noti e parte della nostra vita così come erano nei secoli scorsi: grazie a codici QR e totem multimediali che aprono delle “finestre sul passato”, offrendo da subito una concreta percezione del mutamento nel tempo o, a seconda della posizione, si suggerisce come il luogo avrebbe potuto essere se determinati progetti o scelte non fossero stati realizzati. 
L’insieme delle due tappe della mostra offre ai visitatori una possibilità di conoscenza insolita della città di Milano: come è oggi, come era ma anche come avrebbe potuto essere, un modo diverso per conoscere la nostra città e la storia che l’ha fatta diventare contemporanea. 

 

Inaugurazione 25 novembre 2014 ore 18.30
Chiostro della Magnolia 

26.11 - 16.12.2014
martedì - domenica (chiuso il lunedì), 10 - 20
ingresso libero